sabato 18 ottobre 2014

# The Listography Project

Listography #15 - ​#16


Anche oggi, per il Progetto Listography, mi vedo costretta a unire due post, altrimenti troppo corti. Procediamo :) 


I soldi spesi meglio

Non me lo sono mai chiesto, quindi per questa lista, ho dovuto pensarci bene e mi è toccato cadere su pochi acquisti banali. 


Ovviamente al primo posto (imbattibile) ci sono i soldi spesi per i vari viaggi che ho fatto. Viaggiare non è mai una perdita di denaro, a meno che, ovvio, non capitino delle fregature, cosa per ora mai successa alla sottoscritta.

Al secondo posto ci sono i soldi spesi per i libri. Come sopra, quando si compra un libro, anche se si rivela un libro scandente, non è mai una perdita. I libri sono come le persone, da ognuna si può imparare qualcosa, persino a non essere come lei. 

Al terzo posto i miei scooter. Malgrado qualche tappa dal meccanico e un paio di piccoli incidenti, mi hanno sempre portato dal punto A al punto B senza mollarmi a piedi nemmeno una volta e nel traffico cittadino sono ottimi alleati. 

Al quarto posto i miei pc. Ne ho avuti una vagonata, dal mio primo 286 del 1992 a quello attuale, e non ho quasi mai avuto problemi (magie dell’auto assemblaggio e dell’auto assistenza in caso di guai). 

L’iPhone è un altro ottimo acquisto di cui non mi sono mai pentita. Per quanto mi riguarda è il telefono definitivo. 

Il contributo che ho versato qualche mese fa per la pubblicazione di un libro di poesie. Pochi spicci per fortuna, ma grande, grande soddisfazione.

Diciamo che sono di più quelle cose che ho acquistato pentendomene poco dopo. Lì la lista sarebbe decisamente più lunga!




Le cose di cui vado fiera

Non sono molte, lo ammetto, ma anche se poche, hanno un valore inestimabile.

La prima cosa in assoluto, e senza nemmeno pensarci un secondo sopra, è mio padre. Sono l’orgogliosissima figlia di un padre meraviglioso. E’ il mio supereroe e lo sarà sempre.

Al secondo posto, anche qui senza pensarci un attimo, c’è mio marito. Sposarlo è stata la scelta migliore io abbia mai fatto. 


Al terzo posto ci sono i miei bambini pelosi. Felix e Birillo mi riempiono d’orgoglio ogni volta che li guardo. Prenderli a vivere con noi è stata una scelta meravigliosa e più passa il tempo, più mi accorgo che una vita senza gatti, per me, è impensabile.

Al quarto posto c’è la pubblicazione del libro (diciamo pure libretto) e la vittoria di un concorso letterario (diciamo pure concorsino). 

E al quinto e ultimo posto c’è la mia migliore amica. La mia sorella d’Anima, che malgrado a volte mi faccia deliziosamente dannare, resta lo scrigno inviolabile nel quale riporre ogni mio dolore, gioia, segreto. E’ l’unica, insieme a mio marito, a cogliere al volo il significato di ogni mia alzata di sopracciglio, di ogni angolo di labbra piegato in un sorriso o in una smorfia di tristezza, di ogni gesto io compia. Senza bisogno di parlare, coglie di me ogni cosa, legge nel mio pensiero persino fra le righe e comprende al cento per cento ogni mio stato d'animo perché il suo livello di empatia è incredibile. 

E questo, in un amico, non ha prezzo.

Nessun commento:

Posta un commento

L'admin di Cento27001.blogspot.com pur non rispondendo di quanto scritto nel proprio blog dagli utenti, che se ne fanno pienamente carico, si riserva di cancellare, a suo insindacabile giudizio, qualsiasi commento che a seguito di una propria verifica o di una segnalazione ricevuta da terzi, venga ritenuto offensivo o volgare. Si invitano comunque tutti gli utenti a far uso del buonsenso e della buona educazione.
Grazie a tutti.

Koti on siella missä sydämesi on