sabato 21 gennaio 2017

# Diario di viaggio # Helsinki Kiitos

Diario di Viaggio: Helsinki Giorno 2 - Davide


Eccoci tornati con il secondo giorno di viaggio dell'amico Davide! Che ne dite di saltare a bordo e fare un giro con noi?

07/08/2010

            Sveglia presto, ci vestiamo e scendiamo nel piano interrato a fare colazione. La zona della colazione è un'elegante cantina in pietra. La colazione, a buffet, è varia e comprende sia dolce che salato. Io prendo del tè verde accompagnato da due paste (un cornetto vuoto e una pasta con le gocce di cioccolato) e il succo d'arancia. Davide invece prova il caffè (per dargli un po' di sapore ci mette lo zucchero!), dei biscotti e il succo. Ritorniamo in camera per lavarci i denti e partiamo.
            Il programma della mattina è visitare la fortezza di Suomenlinna. Mentre ci avviamo scattiamo di nuovo qualche foto alla Vahna Kirkko, al Lönnrotinkatu, alla statua di Eino Leino sull'Esplanadi e a Havis Amanda. Dopo andiamo in Kauppatori (piazza del mercato) per comprare i biglietti del traghetto. Notiamo che ci sono già alcuni banchi del mercato, qualcuno col tendone arancione (che vendono roba da mangiare – frutta, verdura e pesce, sia fresco che pronto per essere mangiato), altri col tendone bianco (che vendono soprattutto souvenir e pellicce). Ci mettiamo in coda per prendere il biglietto della JT Lines, ma era sempre chiuso e si formava già una bella fila. Ci accorgiamo che sta per partire un altro traghetto, quello della HKL; decidiamo allora di prendere quello. Il tragitto è breve e scattiamo molte foto ai vari isolotti che incontriamo – isolotti che spesso ospitano una sola casa!
            Alle nove e mezzo l'isola-fortezza si rivela estremamente tranquilla e quindi completamente godibile. Per visitarla seguiamo, in linea di massima e con qualche deviazione, la Blue Route.
            Appena scesi ci troviamo di fronte un edificio rosa del periodo russo, il Rantakasarmi. Lo attraversiamo e vediamo sulla nostra destra le case in legno e un edificio in mattoni rossi, che un tempo era una scuola. Sulla sinistra si trova invece la chiesa russa. Lungo il nostro cammino vediamo le mura difensive dell'isola e il museo militare in mattoni rossi.
            Raggiungiamo il centro informazioni dove chiediamo una cartina dell'isola, attraversiamo il ponte (Suomenlinna è formata da più isole collegate da ponti; le più importanti sono Iso-Mustasaari, dove siamo sbarcati, Susisaari e Kustaanmiekka).
            Camminiamo, attraversando i tunnel di pietra, anche solo per scoprire cosa c'è dalla parte opposta. Arriviamo nel cortile dove si trova la tomba di Ehrens Värd e un'ancora gigante. Vediamo anche dei cannoni – ce ne sono di tutti i tipi e di tutte le epoche sull'isola. Ci fermiamo un attimo a riposarci al parco Piper (Piperin Puisto), il più antico dell'isola.
            Si riparte! Dall'alto di una collinetta vediamo una spiaggia dove è possibile fare il bagno: un po' di tentazione c'è, ma non abbiamo il costume e vogliamo andare avanti. Continuiamo la nostra passeggiata a Kustaanmiekka, vediamo altri cannoni e le trincee scavate dentro le colline. Arriviamo nel Rantavarustus, uno dei punti più meridionali dell'isola, da dove si può godere di una bella vista del Golfo di Finlandia.
            Torniamo verso nord; attraversiamo poi un tunnel molto buio e arriviamo al King's Gate, uno dei punti panoramici più famosi dell'isola, dove ci fermiamo un po' – Davide ha odiato immensamente una famiglia che si era seduta proprio nel mezzo e che secondo lui gli rovinava le foto. Continuando, vediamo il memoriale ai caduti e i bastioni Hyve (virtù), Kunnia (onore) e Hyvä Omatunto (buona coscienza); quest'ultimo ospita un teatro estivo, mentre Hyve una sala da tè giapponese.
            Arriviamo al sottomarino Vesikko, l'ultimo rimasto in dotazione alla Finlandia e trasformato in museo. Decidiamo di visitarlo: l'interno, ovviamente molto stretto, mostra come si viveva dentro al sottomarino. Era piuttosto interessante, anche se pagare 4 euro per cinque minuti di visita ci è sembrato un po' esagerato.
            Torniamo indietro a riprendere il traghetto. La visita alla fortezza ha richiesto circa tre ore, un tempo giusto per visitarla a dovere. Non abbiamo però visitato il museo del giocattolo: motivo in più per tornarci!
            Affamati, andiamo a pranzare al mercato. Dopo aver girato un po' prendiamo una porzione di anelli di totano e verdure per me e una fetta di salmone per Davide: molto buoni e a un prezzo ragionevole. Decidiamo che pranzeremo sempre al mercato. Piuttosto pieni, ci rimettiamo in marcia per smaltire, e Davide si accorge di aver lasciato la borsa al mercato! Fortuna che siamo a due passi dal banco dove ci siamo fermati e la borsa era rimasta lì; così, entrambi con una fibrillazione atriale maligna, riprendiamo il nostro giro, che prevede la zona di Piazza del Senato (Senaatintori) con i suoi dintorni e il quartiere di Katajanokka.
            La prima tappa – obbligatoria – è il Duomo (Helsingin Tumiokirkko), ma non possiamo entrare causa una qualche funzione religiosa. Ad ogni modo è incredibile vedere come il bianco dei muri e il verde delle cupole risalti nel cielo azzurro sgombro di nuvole. Alla destra del Duomo si trova l'Università (Helsingin Yliopiston), con accanto la sua biblioteca, e alla sinistra il Palazzo del Governo (Valtioneuvoston Linna), due edifici molto simili.
            Proseguiamo poi su Aleksanterinkatu, dove un negozio di souvenir ha, fuori dalla porta, una renna impagliata! Facciamo la fila per fare la foto: l'immagine ritrae Davide che, con sguardo pseudo-cattivo, tenta (invano) di strangolare la povera bestia.


            Andando avanti si trova la residenza del sindaco, una bassa casa rossa. Ci avviamo verso la Cattedrale di Uspenski (Uspenskin Katedraali), la chiesa ortodossa fatta costruire durante il periodo russo. Anche qui, purtroppo, non riusciamo a fare le foto, causa matrimonio.
            Il nostro itinerario comunque prosegue nel quartiere di Katajanokka. A farci da ingresso ci sono i due edifici Tallberg (in rosso) e Aeolus (in verde chiaro). Mi viene sete e compro una bottiglietta d'acqua a un chiosco: 3 euro! Tra l'altro il tipo del chiosco mi ha venduto una bottiglietta di vetro, quindi sono costretta a finirla subito; si presenta la questione di capire in quale contenitore vada buttata (ovviamente fanno la raccolta differenziata), dato che le scritte sono solo in finlandese. Sto per chiedere informazioni, quando vedo delle persone che buttano una bottiglia di vetro; seguo l'esempio e si riparte.
            Ci addentriamo in Katajanokka, il quartiere elegante di Helsinki. In questa zona convivono stili vecchi e nuovi: si va dal neoclassicismo al romantico nazionale, dallo Jugenstyl all'arte contemporanea. Proseguendo in Luosikatu vediamo un vecchio modello di FIAT Punto verde – scusate, ma mi sembrava di dovere mettercelo.
            Continuando la passeggiata vediamo gli edifici Eol, Olofsborg e il casinò. Vediamo per la prima volta delle grosse tartarughe di pietra ai bordi di alcune strade; in seguito scopriamo che il buco che hanno sul guscio serve per metterci i pali dei cartelli stradali. Ce ne sono dappertutto in città e la sottoscritta, moderna amazzone, ci monta a cavalcioni – come documenta la foto scattata dal di lei paziente compagno di viaggio.


             Arriviamo davanti all'ex prigione di Katajanokka, ora albergo a 5 stelle, un bell'esempio di recupero di un edificio. Continuiamo lungo la costa, vedendo la rompighiaccio e le varie isole di fronte a noi. Ci fermiamo un attimo sugli scogli di Matruusinpuisto a riposare e poi si riparte: si torna verso il centro città.
            Andiamo a vedere il Palazzo presidenziale (Presidentinlinna) e Stora Enso, opera dell'architetto Alvar Aalto. Prendiamo Pohjoisranta (da cui si può vedere l'isola di Korkeasaari, dove si trova lo zoo) e ci addentriamo nel cuore di Helsinki.
            Vediamo la più antica casa in legno della città, ora museo, e, proseguendo, un dipartimento dell'università. Lungo il percorso ci fermiamo nuovamente a comprare dell'acqua e scopriamo che è più conveniente comprarla nei supermercati. La gola mi istiga a comprare anche un succo di frutta che avevo visto spesso in giro, purtroppo però non sa di niente.
            Arriviamo nella zona politica della città, dietro Piazza del Senato. Qui Davide vuole fermarsi a vedere una fontana in stile moderno che sulla guida lo aveva ispirato, ma che ha miseramente deluso le sue aspettative; lì vicino si trovano la Sede degli Stati (Säätytalo) che ospita funzioni statali e la Banca della Finlandia (Suomen Pankki).
            Ritorniamo in Piazza del Senato e si parte con l'itinerario 5. Questo parte all'incirca dalla fontana di Havis Amanda, dove vediamo una piccola parata delle marine militari finlandese, danese, norvegese e svedese. Finita la parata, ripartiamo.
            Questo itinerario si snoda in luoghi meno frequentati dai turisti. Causa stanchezza, ne facciamo solo metà, rimandando il resto al giorno dopo.
            Andiamo verso il grande parco di Tähtitorninmäki, dove vediamo (solo dall'esterno) la Saksalainen Kirkko, il Monumento ai Caduti e l'Osservatorio, oggi sede del Dipartimento di Astronomia dell'Università. Ci fermiamo un po' a riposare: stare a piedi nudi sull'erba è fantastico e rilassante. Quando riprendiamo, vediamo un signore che tenta di far entrare il cane dentro la fontana del parco e il cane che guarda il padrone come se dicesse: “Vacci te!”. Vediamo anche sbucare dai cespugli un tenerissimo coniglietto che non vorrà farsi fotografare.
            Proseguendo il nostro cammino, passiamo davanti all'ambasciata russa e quindi entriamo in Kaivopuisto, parco che dà sul mare. Troviamo (miracolo!) una fontanella fatta a orso dove riempiamo le bottigliette. Vediamo anche un'alta piattaforma sorretta da una gru: Davide pensa che sia per vedere la città dall'alto e tenta inutilmente di convincermi a salire. Poi la verità: a giudicare dal ragazzo che si butta appeso a un filo, deduciamo che la gru serve per fare bungee jumping. Propongo a Davide di salire, dato che era così convinto... Siamo così coraggiosi che non riusciamo nemmeno a guardare.
            Usciamo dal parco e ci dirigiamo verso Ehrenströmsvägen dove vediamo la Statua della Pace. Rientriamo nel parco e visitiamo il quartiere delle ambasciate. Quelle più brutte e squallide sono quelle del Brasile e dell'Italia, che sembrano delle case popolari oltretutto venute male. Proseguendo vediamo anche le ambasciate di Francia, Regno Unito e U.S.A.. A quest'ultima, imponente, Davide fa delle foto, ma quando vediamo il cartello con il divieto di fotografare l'ambasciata e uscire un soldato armato di mitra, si affretta a cancellarle.
            Arriviamo a Ehrenströmintie, sul mare, dove ci fermiamo un po' a riposare sugli scogli. Da questo punto si vede anche Suomenlinna. Ritorniamo nel parco e andiamo verso l'Osservatorio Ursa (Ursan Tähtitorni); sentiamo anche un urlo terrificante: una vittima del bungee jumping, che fa girare tutte le persone presenti.

            Siamo troppo stanchi per continuare l'itinerario, decidiamo allora di tornare in albergo, farci una doccia e uscire per la cena. Decidiamo inoltre di andare anche a fare una bevuta. Giriamo nella zona centrale della città, non troppo lontani dall'albergo. Purtroppo i pub che troviamo non hanno da mangiare, così andiamo in un ristorante, l'“Iguana”, dove io prendo un'insalata di gamberetti e Davide i gamberetti grigliati: le porzioni sono abbondanti ma non salate. Per smaltire andiamo al Duomo dove ci fermiamo un po', e poi al pub “On the Rocks” (consigliatoci da un’amica) per una bevuta – per entrare chiedono gli IDs (documenti), quindi scopriamo – con piacere – che non ci sono ragazzini. Il pub è strapieno e fortunatamente, come anche in Italia, non si può fumare dentro i locali. Qui vediamo il sosia di Francesco Guccini che gioca (male) a biliardo, ma aveva una fortuna... Dopo aver finito la birra (presa solo da Davide), torniamo, stanchissimi, in albergo.

Nessun commento:

Posta un commento

L'admin di Cento27001.blogspot.com pur non rispondendo di quanto scritto nel proprio blog dagli utenti, che se ne fanno pienamente carico, si riserva di cancellare, a suo insindacabile giudizio, qualsiasi commento che a seguito di una propria verifica o di una segnalazione ricevuta da terzi, venga ritenuto offensivo o volgare. Si invitano comunque tutti gli utenti a far uso del buonsenso e della buona educazione.
Grazie a tutti.

Koti on siella missä sydämesi on